Nuovi metodi per la ricerca sociale

L’intenso dibattito sugli aspetti di metodo che caratterizza la sociologia italiana ha prodotto negli anni importanti risultati sulla riflessione metodologica ed epistemologica. I profondi mutamenti che hanno caratterizzato la società negli ultimi decenni hanno spinto il dibattito verso una profonda e rigorosa attenzione alle strategie di ricerca per lo studio dei nuovi fenomeni sociali.

La tradizionale discussione sul tema qualità/quantità oggi si arricchisce dei nuovi contributi forniti dalla proposta anglosassone dei Mixed Methods che teorizzano la necessità di una sistematica integrazione degli approcci standard/non standard. Inoltre, le nuove frontiere tecnologiche del web hanno inevitabilmente ravvivato il dibattito metodologico sulle opportunità e sulle sfide che i dati, prodotti e accessibili in rete, offrono agli scienziati sociali. Il digitale risulta essere una dimensione incredibilmente rilevante all’interno del dibattito metodologico e una decisiva propulsione verso una riflessione sistematica sugli inevitabili cambiamenti che apporterà sia sul piano epistemologico, sia sul lavoro di ricerca empirica che deve necessariamente ridimensionare i propri confini disciplinari e aprirsi a nuovi strumenti di analisi. Per far fronte alla data revolution, il sociologo deve armarsi di competenze nuove che possano metterlo in condizione di poter collaborare con esperti e ricercatori provenienti da altre discipline, confermando così il proprio ruolo privilegiato di esperto della società. L’interdisciplinarità è infatti un fattore di rilevante interesse nel dibattito: mettendo a dialogo diverse istanze, la comunità ha arricchito la sua cassetta degli attrezzi riuscendo ad includervi conoscenze e pratiche derivate da altri domini del sapere.

“In che modo comprendiamo il funzionamento della vita sociale?”, l’interrogativo che caratterizza gli insiemi delle conoscenze attestate in letteratura consente a tutte le componenti del dibattito di sperimentare approcci innovativi e nuove applicazioni dei metodi consolidati. Considerando queste prospettive, la sezione intende raccogliere contributi che analizzino tutte le possibili sfide metodologiche del futuro, sia in termini empirici che epistemologici, con l’obiettivo di scaturire un confronto tra modi di intendere e applicare l’innovazione in seno alla metodologia delle scienze sociali.

A titolo puramente esemplificativo vengono elencati di seguito alcuni possibili ambiti di riflessione:

• Mixed Methods

• Digital Methods

• Metodi per la Social Network Analysis

• Metodi per l’analisi di dati non strutturati: immagini, video, testi e audio

• Natural Language Processing, Text Mining e Textual Network Analysis

• Tecniche di Web Scraping e API per la ricerca sociale

• Sentiment Analysis e ricerca sociale

• Data Science e ricerca sociale

• Big Data e ricerca sociale

• Nuove prospettive per la ricerca qualitativa

Il long abstract non deve superare le 2000 parole, al netto di titolo e di bibliografia. Le proposte devono pervenire entro il 15 settembre 2020* ai coordinatori della sezione:

SUANIA ACAMPA: suania.acampa@unina.it

ROCCO MAZZA: rocco.mazza@unina.it

*NUOVA SCADENZA PER INVIO ABSTRACT: 1 OTTOBRE 2020

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: