Valutazione delle politiche pubbliche

Nell’ambito della valutazione delle politiche negli ultimi anni l’interesse per le politiche sociali è aumentato. La richiesta di un più ampio coinvolgimento dei cittadini nella governance pubblica favorisce il riconoscimento del ruolo della valutazione come strumento di responsabilità e partecipazione. Questo interesse è riconosciuto dal fatto che c’è una crescente domanda di studi di valutazione provenienti da ambiti diversi da quello canonico, tra cui, ad esempio, nuovi soggetti come il terzo settore ma anche le comunità locali e gli organismi intermedi quali attori della valutazione.

In una società che esprime, spesso tacitamente o indirettamente, un bisogno di rinnovamento dei luoghi fisici e sociali in cui vive, la valutazione è un’occasione di riflessione sulla viabilità di vecchi e nuovi percorsi. L’attuazione delle valutazioni d’impatto rimane complessa e spesso sottovalutata. Restano problematici, ad esempio, aspetti quali le fonti di dati per la valutazione e la tematica della protezione dei dati individuali. Inoltre, nonostante i recenti progressi, il nostro Paese non è ancora ai primi posti nel campo dell’Open Government, con conseguenze sulla sistematica disponibilità di dati per la valutazione. In discussione, inoltre, il tema relativo ai metodi di valutazione dell’impatto in Italia. Per quanto riguarda la misurazione delle variabili di esito, la multidimensionalità latente rappresenta una sfida significativa, sia per le politiche rivolte alle persone svantaggiate, sia per le politiche volte a sostenere le comunità locali nell’affrontare i problemi collettivi emergenti.

La sessione è rivolta a ricercatori e valutatori interessati all’analisi degli strumenti, dei paradigmi e dei processi di attuazione e di implementazione delle politiche pubbliche nonché alla valutazione di impatto e al suo utilizzo a supporto dei processi decisionali. L’obiettivo di questa sezione è condividere e discutere gli approcci utilizzati, i risultati ottenuti e le lezioni apprese dai singoli studi. La sezione ambisce, inoltre, ad essere un momento di riflessione collettiva sullo stato dell’arte della valutazione delle politiche pubbliche nel nostro paese, a discutere i principali ostacoli alla sua realizzazione nonché i limiti, le potenzialità e le sfide per il suo sviluppo nell’ambito della ricerca sociale e del policy making.

I contributi potranno concentrarsi, a titolo puramente esemplificativo, sui seguenti temi:

• La natura delle politiche e interventi orientati e/o guidati da una valutazione di impatto

• Gli effetti sociali ed economici dei progetti e delle politiche pubbliche

• Progettazione, implementazione e supporto di politiche orientate all’impatto

• Il disegno di valutazione e la sua eventuale socializzazione con i soggetti coinvolti nella politica

• Sfide concettuali e metodologiche di valutazione per quanto riguarda la misurazione dell’impatto

• Effetti della valutazione d’impatto e apprendimento delle politiche

• I limiti e le potenzialità delle fonti di dati e dei metodi utilizzati.

Il long abstract non deve superare le 2000 parole, al netto di titolo e di bibliografia. Le proposte devono pervenire entro il 15 settembre 2020 ai coordinatori della sezione:

ANTONIO RUSSO: antonio.russo8@unina.it

AMANDA TEDESCHI: amanda.tedeschi@unina.it

*NUOVA SCADENZA PER INVIO ABSTRACT: 1 OTTOBRE 2020

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: